Translate

Buffer Me

Friday, February 22, 2013

THE RUSSIAN EXPLOSION: WHAT REALLY HAPPENED

2013-2-15, what really happened (by sciencemug)
2013-2-15: the 'behind the scenes' (by sciencemug)
About the Russia asteroid impact, the European Space Agency (ESA) says this.
What's 2012 DA14?

Tuesday, February 19, 2013

BUON COMPLEANNO COPERNICO!

Disegno che raffigura il Sole e la faccia di Copernico che gli ruota attorno in un'orbita circolare. In aggiunta c'è la scritta: "Happy b-day Copernicus (119-Feb-1473)
Happy birthday Nikky C! (by sciencemug)
[The picture of N. Copernicus is adapted from a Public Domain image by sciencemug (source: Wikimedia Commons)]

Wanna know more 'bout Nicolaus Copernicus? Start here. 

Friday, February 15, 2013

BUON COMPLEANNO GALILEO!

Happy birthday Galileo!
[Adapted from a Public Domain image by sciencemug (source: Wikimedia Commons)]

Curious about Galileo Galilei? Try this, and this.

Thursday, February 14, 2013

IL SOLE, IL CORTEGGIAMENTO E IL QUASI ESPERIMENTO

Disegno di una donna felice con il bel tempo e triste con il brutto tempo (by sciencemug)
by sciencemug
Una ricerca sembra dimostrare che le donne abbiano una maggiore predisposizione a rispondere positivamente al corteggiamento nei giorni di sole. L'esperimento alla base della ricerca ha coinvolto centinaia di giovani donne francesi approcciate da bei ragazzi in giorni nuvolosi e in giorni assolati. I risultati dello studio sono da poco apparsi sulla rivista Social Influence.






(Summary in Eng?ish at the end of the post)

Il post si apre con PiPs che a occhi semichiusi ballonzola con la stessa grazia di un ippopotamo disneyano sotto morfina al ritmo di un'insesitente quanto suadente ballata proveniente da un'immaginaria chitarra acustica suonata da un rustico quanto sensibile esecutore andaluso mentre sciencemug guarda perplesso e pensa che l'influenza abbia chiaramente lasciato imperscrutabili strascichi neurali sul povero Post il Primo di SM.


SM- Beh, PiPs, a che si deve la danza della pioggia? 
PiPs- Non è la danza della pioggia, boss, è la danza dell'ammmore! Oggi è San Valentino, boss, la festa degli innamorati. Bisogna celebrare, boss, partecipare all'immensità del sogno amoroso, gioire, ballare con ogni centimetro quadrato di pelle, ogni grammo d'anima, ogni goccia di fiato, ogni pensiero, ogni sguardo, ogni villo intestinale... 
S- Ma che stai dicendo, razza di babbeo al cioccolato fondente a forma di cuoricino? Ma ti pare che San Valentino sia davvero una festa? PiPs, andiamo, San Valentino è solo una delle trovate più smaccatamente commerciali della storia dell'umanità, addirittura più del vestito rosso e bianco di Babbo Natale*. S. Valentino sta all'amore come l'astrologia sta alla scienza, il tofu al cibo, il finale di Battlestar Galactica alla logica o, che so, i capelli alla testa di William Shatner e la compassione al Beep Beep Road-Runner. Insomma S.Valentino è una bufala colossale e se ci credi davvero sei chiaramente in preda ai fumi di qualcosa di potente, di davvero potente. 
P- Nessun invito per stasera eh, boss? 
S- Stai zitto e parliamo del paper di oggi... 
P- Ok, boss! L'articolo di oggi mi piace perché parla di corteggiamento, donne e sole. Insomma, è davvero appropriato perché a S. Valentino splende il sole del cuore e se vuoi uscire con una donna a S. Valentino devi averla corteggiata prima. 
S- Se dici S. Valentino ancora una volta giuro che ti taglio e incollo su un blog thailandese di tassidermia... 
P- Il francese Nicolas Guéguen è un ricercatore in Scienze del Comportamento e ha da poco pubblicato una ricerca con cui ha cercato di capire se la luce del Sole, nelle donne, influenzi le risposte al corteggiamento. 
S- … 
P- Nicola scopre che le donne giovani danno il loro numero di telefono ai ragazzi con più facilità nei giorni assolati che nei giorni nuvolosi. La ricerca è basata su quello che il ricercatore stesso definisce un quasi-esperimento. 
S- Ecco appunto e noi ne parliamo giusto perché è appropriato associare un quasi-esperimento che lascia un po' (eufemismo) il tempo che trova a una festa falsa come gli ossi di gomma per i canidi. Comunque, entusiasta di professione, va avanti e spiega in che cosa consiste il quasi esperimento del secolo... 
P- Tu mi tarpi le ali dello spirito boss... Il nostro Nicola di Francia inizia selezionando i giovani maschi che utilizzerà per l'esperimento, per andare cioè in giro a cercare di farsi dare numeri di telefono da giovani sconosciute. 
S- E come li seleziona, il buon Nicola, 'sti giovinastri?

Tuesday, February 12, 2013

BUON COMPLEANNO MR. DARWIN!

Happy birthday Darw! (by sciencemug)
Happy birthday Charly! (by sciencemug)
[Adapted from a Public Domain image by sciencemug (source: Wikimedia Commons)]


Ok, ok, US readers, 2-12-1809...

PS
Wanna read Darw's stuff and know more about him? This humble blog's suggestion is to go here

Sunday, February 3, 2013

GLI INSETTI GNAM-GNAM E L'IMPATTO AMBIENTALE

Disegno di un piatto di insetti pronti per essere mangiati (by sciencemug)
Bon bugs-appétit! (by sciencemug)
Una ricerca dimostra che, a parità di proteine animali prodotte, l'allevamento intensivo di insetti commestibili per l'uomo ha un impatto ambientale più limitato rispetto a quello di maiali, polli e manzo. Lo studio è stato fatto su due specie di coleotteri allevati in una fattoria olandese. I risultati della ricerca sono stati da poco pubblicati sulla rivista scientifica Plos One.





Summary in Eng?ish at the end of the post.

Il post si apre con Sciencemug alle prese con una bacinella di acqua bollente in cui ha appena versato un pugno di sale grosso da cucina.
PiPs, completamente sfatto per l'influenza, sta seduto in poltrona come fosse del budino caldo appena versato in una ciotola, ha lo sguardo vitreo, inebetito come non mai e indossa, nell'ordine pelle-mondo, 1 maglietta della salute e 1 paio di mutandoni di lana, 2 pigiami felpati, 1 tuta felpata, 1 cardigan di lana grezza e sulle gambe ha appoggiata 1 trapunta di piume d'oca del peso netto di 8kg. Quando SM si avvicina al suo post febbricitante ha l'impressione di avere di fronte un misto tra un omino della Michelin tossicodipendente e una scultura post moderna animata... e tossicodipendente.
SM mette la bacinella fumante su un tavolino vicino a PiPs e dice - E ricordati che dopo i profumi, quando l'acqua sarà tiepida, devi 'sniffarne' un po', piano, e vedrai che il naso ti si libera. Capito?
P– Dì cabo, gradie cabo... -
S- Bon, io adesso vo', PiPs, devo raccontare l'articolo sugli insetti e il cibo, ti ricordi? -
Ma PiPs non ascolta già più, sì è coperto con un telo da mare e rantola e tossicchia in balia del vapore...


S- Ooooh allora, Dennis Oonincx e Imke de Boer sono una simpatica coppia di scienziati che lavora in Olanda. Oonincx e de Boer (da adesso in poi, per comodità, Ox e Bo) decidono di studiare l'impatto ambientale dell'allevamento intensivo di due specie di insetti che sono commestibili e rappresentano un'ottima fonte di proteine animali. Le specie di insetti in questione sono la Tenebrio molitor e la Zophobas morio (da adesso in poi, per comodità, Tm e Zm). Tm e Zm sono coleotteri le cui larve vengono attualmente allevate e vendute come cibo per animali. E si dà il caso che una delle aziende agricole che tratta questo tipo di prodotto si trovi proprio nei Paesi Bassi e si chiami 'van de Ven Insectenkwekerij' (da adesso in poi, per comodità, Vinsj). La Vinsj alleva le due specie di coleotteri nello stesso identico modo e ne produce la medesima quantità all'anno e da adesso in poi, per comodità, non racconterò mai più articoli scritti da gente che vive e lavora in zone linguistiche dove si usano copiosamente 'w', 'k','y' e 'x'... - Appalusi di approvazione da parte del pubblico in sala quale sala direte voi e io che ne so sono la voce fuori campo mica il geometra di blogger... -

Ox e Bo calcolano quanto 'costa' all'ambiente produrre proteine animali avendo come fonte i coleotteri Tm e Zm. I due scienziati della terra dei tulipani, poi, confrontano i dati della loro ricerca con quelli già esistenti sulla produzione di proteine animali da fonti classiche come uova e latte e carne di maiale, pollame e manzo. 
Il risultato del confronto è che, a parità di proteine ricavate, l'allevamento di insetti produce meno gas serra e richiede l'uso di molta meno terra dell'allevamento dei normali animali da fattoria.

Disegno delle fonti di proteine animali di cui parla il post: uova, latte, carne di maiale, pollame, ruminanti e infine insetti (by sciencemug)
Le fonti di proteine animali di cui parla il post (by sciencemug)
Ora, esimio sagacissimo lettore, lo so cosa pensi in questo momento, perché io, vedi, ho superpoteri webbici e posso leggere il tuo labiale mentale. E il tuo labiale mentale dice: “vabbè, certo, l'impatto ambientale dell'allevamento olandese delle larve di coleottero... see see see... e mi vuol spiegare di grazia, gentile blog dei miei stivali, come diavolo si fa a valutare l'impatto ambientale di una qualsivoglia attività 'artropodica' e non?” Eh, caro il mio affezionato nonché arzigogolato lettore, la risposta è: con un life cycle assesment, aka LCA.
L'LCA non è un potente allucinogeno giunto fino ai nostri giorni direttamente dagli anni '60 del secolo scorso e che fa vedere cose che altrimenti noi umani non potremmo neanche immaginare tipo raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser e cocorite blu titanio da combattimento danzare lascive e in fiamme al largo dei bastioni di Orione sopra nuvole di gelatina alla frutta, naaa na. L'LCA è un metodo consolidato che analizza l'impatto ambientale dell'intero ciclo vitale di un prodotto, dall'inizio alla fine, o, come dicono gli angoli sgrammaticati attaccati a grosse pìetre - gli anglosassoni - 'dalla culla ai cancelli dell'azienda agricola'. Ox e Bo, nello specifico, valutano tutto ciò che riguarda i nostri gustosi coleotteri, dalla produzione e trasporto del loro mangime (carote e granaglie di soia, segale e granturco integrato con lievito di birra), alle specifiche procedure usate per il loro allevamento alla Vinsj. 

Disegno del sistema di produzione dei coleotteri commestibili (adattato da quello del paper by sciencemug)
Il sistema di produzione dei coleotteri commestibili (adattato da quello del paper by sciencemug)
I ricercatori della terra dei tulipani scelgono e quantificano tre indicatori ambientali per fare il life cylce assesment sui nostri ineffabili coleotteri gnam-gnam: